GASDOTTO EASTMED-POSEIDON, GRAVI DICHIARAZIONI DEL MINISTRO PATUANELLI SUL RUOLO DELL’ITALIA

Secondo l’emittente internazionale tedesca Deutsche Welle, malgrado il Governo italiano non abbia preso parte alla firma dell’accordo intergovernativo di Atene sulla costruzione di EastMed, il nostro Paese rientrerà preso in partita.
Non solo. Secondo DW, “L’Italia è destinata a essere il più grande acquirente unico di gas israeliano”.

Secondo DW.COM, infatti:

“Sebbene l’Italia abbia assicurato alla Grecia che continuerà a sostenere il progetto, il ministro italiano dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli ha affermato che anche Roma dovrà costruire un secondo gasdotto sottomarino per prelevare gas dal porto greco di Igoumenitsa”.

Inoltre, secondo “Cyprus-mail.com“, ad Atene lo scorso 2 gennaio, “l’Italia, non parte dell’accordo in questa fase, era rappresentata dall’ambasciatore del paese in Grecia. Il Ministro italiano per lo Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, ha inviato una lettera che esprime sostegno al progetto”.

Se così fosse, si avrebbe l’ennesima conferma del fatto che, secondo la miope visione dell’Esecutivo, la transizione energetica del nostro Paese verrebbe affidata quasi del tutto al gas. Non avendo ancora potuto prendere visione della versione definitiva del PNIEC, vorremmo ancor di più comprendere in che modo l’Italia sfrutterà la finestra temporale dei prossimi 10 anni per puntare alla decarbonizzazione del sistema.

E’ necessario che il Presidente del Consiglio ed il Ministro dello Sviluppo Economico chiariscano qual è la posizione del Governo rispetto al nuovo gasdotto.

https://www.dw.com/…/eastmed-gas-pipeline-flowin…/a-51871424

https://cyprus-mail.com/2020/01/02/historic-deal-signed-in-athens-for-eastmed-pipeline/?fbclid=IwAR2RIz6OV4tuNQMx7xBgarrVnCHmZEMtIr3S7JXleeuT7ddadUpw2EqUHH4

3 gennaio 2020

Coordinamento Nazionale No Triv

info 347 3050437