TRIVELLE NEL MAR JONIO INVIATE AL MINISTERO OSSERVAZIONI SULLA PERICOLOSITÀ DEL PROGETTO


La multinazionale del petrolio Schlumberger Italiana S.p.a. ha richiesto di poter operare nei fondali delle province di Crotone, Cosenza, Matera, Taranto e Lecce in ben 52 Comuni dell’Alto Jonio.

shuCASSANO ALLO JONIO (CS) – Ieri il Coordinamento nazionale No-TRIV e la rete R.A.S.P.A. hanno inoltrato le osservazioni alle integrazioni dello Studio di Impatto Ambientale (SIA) dell’istanza di prospezione idrocarburi nel Golfo di Taranto proposta da Schlumberger Italiana S.p.a.: l’istanza abbraccia le province di Crotone, Cosenza, Matera, Taranto e Lecce e riguarda 52 comuni, da Racale, Gallipoli, Manduria, Lizzano fino a Calopezzati, Mandatoriccio, Crotone, passando per tutti quelli della costa lucana e dell’Alto Jonio. Le osservazioni sollecitate dal Ministero per l’Ambiente, in seguito a tutta una serie di pareri contrari espressi nei mesi scorsi da associazioni, comitati, enti e singoli cittadini sono state redatte dalla dottoressa Rosella Cerra in collaborazione col geologo Giuseppe Ferraro. Nel documento sono stati riproposti alcuni punti non trattati nelle integrazioni (ad esempio, l’acidità del mare che influisce sulla propagazione dell’onda sonora) o che erano stati trattati in maniera poco approfondita (è il caso della presenza di sostanze nocive e pericolose nel golfo e della situazione geologica nell’intera area). Quest’ultimo argomento è stato trattato in maniera approfondita dal geologo Giuseppe Ferraro, che ha inserito un aggiornamento del database DISS (Database of Individual Seismogenic Sources) del tutto trascurato nel SIA e nelle successive integrazioni.

Questo probabilmente perché uno degli appigli utilizzati dalla società proponente per procedere nella prospezione e nella ricerca viene trovato nella “mancanza di dati geofisici di buona qualità”. Nelle conclusioni il Coordinamento nazionale No-TRIV e la rete R.A.S.P.A. ritengono “irresponsabile concedere qualsiasi tipo di autorizzazione a svolgere attività di ricerca con metodi assolutamente invasivi e pericolosi quali quelli previsti nella richiesta di concessione”. Chiedono, inoltre, che gli elevati impatti sulle varie componenti trattate derivanti dalle attività estrattive − essendo queste le finalità esclusive della ricerca − siano presi in debito conto già in questa fase. Infine, gli autori delle osservazioni alle integrazioni fornite dalla Schlumberger auspicano che gli organi competenti del Ministero dell’Ambiente, e in particolare la Commissione Tecnica di VIA, stabiliscano, una volta per tutte, l’incompatibilità ambientale delle attività in oggetto ed esprimano di conseguenza parere negativo al termine della fase istruttoria del procedimento di valutazione di impatto ambientale relativo al progetto di indagine avanzato dal soggetto proponente.

di: Redazione quicosenza.it, 14.08.2015

Osservazioni alle integrazioni all’istanza “d3 F.P-.SC”See more at: http://www.sosmediterraneo.org/osservazioni-integrazioni-d3/#sthash.Yc7IvHO8.dpuf: http://www.sosmediterraneo.org/osservazioni-integrazioni-d3/