IL GOVERNO NON RIESCE AD EVITARE IL REFEREMDUM NO TRIV SUL MARE. ORA, SUI DUE QUESITI RIMASTI INSODDISFATTI, SI PROMUOVA UN CONFLITTO DI ATTRIBUZIONE DINNANZI ALLA CORTE COSTITUZIONALE

platMatteo Renzi non riesce a evitare il referendum sul petrolio. Almeno il quesito sulle estrazioni in mare ha motivo di svolgersi. Lo stabilisce l’ordinanza che la Cassazione ha adottato oggi (ieri ndr) alla luce delle modifiche volute dal Governo e approvate dal Parlamento nella legge di stabilità prima della pausa natalizia.

“È un ulteriore passo in avanti”, dichiara Enzo Di Salvatore, costituzionalista del fronte contrario alle trivelle. ” E questo prova che i dubbi che il Coordinamento Nazionale No Triv nutriva sulle reali intenzioni del Governo sul mare fossero fondati”.

E ora parte la battaglia anche sui quesiti referendari di fatto respinti dalla Cassazione. L’obiettivo finale è ottenere che la Corte Costituzionale, chiamata dire l’ultima parola sui referendum la settimana prossima, bocci le modifiche apportate dal Parlamento sulle norme in materia di ricerca ed estrazione di idrocarburi. Per fare questo, però, occorre che le Regioni sollevino un conflitto di attribuzione davanti alla Consulta.

Insomma, la questione non è affatto chiusa, nonostante tutti gli sforzi del governo per modificare la normativa in modo da evitare il braccio di ferro referendario […] La Cassazione aveva dinanzi a sé due strade: chiudere la stagione referendaria oppure trasferire il referendum sulla nuova normativa varata con la legge di stabilità. In risposta, la suprema corte – che prima delle modifiche parlamentari aveva ammesso tutti i sei quesiti – ha confermato il suo ok sulla richiesta di referendum sulle estrazioni in mare, bocciando tutte le altre. Una questione che riguarda non solo’Ombrina mare’, attività di ricerca e trivellazioni al largo dell’Abruzzo sospesa dal governo solo per un anno e comunque fino al rilascio della concessione ancora mancante. “Un bluff”, sottolineano dal comitato ‘No triv’. Il referendum sulle trivellazioni in mare, anche entro le 12 miglia dalla costa, riguarda anche altri progetti al largo dell’Emilia Romagna, nel golfo di Taranto, in Sicilia. Dunque un casus belli non da poco.

Ma sugli altri quesiti bocciati il comitato ‘No triv’ non si dà per vinto. “La decisione della Cassazione sulle proroghe dei titoli già concessi e sulla questione del piano estrazioni ci lascia insoddisfatti”, spiega Di Salvatore all’Huffington Post. Su questi due temi “l’idea è di sollevare un conflitto di attribuzione – continua – per trascinare in giudizio il Parlamento perché le modifiche apportate al decreto Sblocca Italia (che decide sulle estrazioni, ndr.) attraverso la legge di stabilità restano elusive. E su questo si può pronunciare la Corte Costituzionale: se la Corte le annulla rivivono le norme sulle proroghe e sul piano e dunque si può andare a referendum anche su questo, visto che la Cassazione aveva già dato il suo ok a fine novembre”.
La prossima settimana sarà la Corte Costituzionale a decidere.

ARTICOLO ORIGINALE DI ANGELA MAURO, PER HUFFINGTON POST ITALIA: LA CASSAZIONE BOCCIA RENZI, AMMESSO IL REFERENDUM SULLE TRIVELLAZIONI IN MARE


 

ALCUNE PRECISAZIONI SUL REFERENDUM NO TRIV DOPO LA DECISIONE DELLA CASSAZIONE – FACCIAMO CHIAREZZA : Una nota di Enzo Di Salvatore

I quesiti referendari erano SEI:

TRE QUESITI sono stati soddisfatti con le modifiche introdotte dalla legge di stabilità 2016: il Parlamento ha accettato di modificare le norme sulla strategicità, indifferibilità ed urgenza delle attività petrolifere. Questo costituisce un innegabile successo, in quanto la dichiarazione di strategicità delle opere avrebbe comportato il dimezzamento dei termini processuali nei ricorsi e una disciplina poco garantista per gli enti territoriali circa la loro partecipazione ai lavori della conferenza di servizi. Cancellata è anche l’assurda previsione del “vincolo preordinato all’esproprio” già a partire dalla fase della ricerca degli idrocarburi: con ciò il diritto di proprietà del privato è salvo. Il Parlamento ha inoltre accettato di cancellare quelle norme che consentivano al Governo di sostituirsi alle Regioni in caso di mancato accordo sui progetti petroliferi e sulle infrastrutture necessarie alla realizzazione di tali progetti: oggi non è più possibile arrivare ad una decisione sui progetti petroliferi se non aprendo una trattativa con le Regioni.
UN QUESITO è stato riammesso dalla Cassazione: si tratta del quesito sul divieto delle attività petrolifere in mare entro le 12 miglia. Il Parlamento ha accettato di modificare la norma del codice dell’ambiente, che consentiva la conclusione dei procedimenti in corso, prevedendo, però, che i permessi e le concessioni già rilasciati non avessero più scadenza e senza chiarire che i procedimenti in corso dovessero ritenersi definitivamente chiusi e non solo sospesi. La Cassazione ammette che la modifica del Parlamento non soddisfa la richiesta referendaria, in quanto non corrisponde alle reali intenzioni dei promotori del referendum. Aver riammesso il quesito comporterà che, in caso di esito positivo del referendum, occorrerà rispettare la volontà dei cittadini, e cioè: 1) dall’abrogazione referendaria deriverà un vincolo per il legislatore che non potrà rimuovere il divieto di cercare ed estrarre gas e petrolio entro le 12 miglia; 2) dall’abrogazione referendaria deriverà l’obbligo per la pubblica amministrazione (il ministero dello sviluppo economico) di chiudere definitivamente i procedimenti in corso, finalizzati al rilascio dei permessi e delle concessioni.
DUE QUESITI restano ancora insoddisfatti e rispetto ad essi c’è ancora spazio per promuovere un ricorso davanti alla Corte costituzionale: si tratta del quesito relativo alla durata dei permessi e delle concessioni e del quesito sul “piano delle aree”.

In relazione alla durata dei titoli: la Cassazione ha dichiarato che non si debba più procedere a referendum. Ma questa decisione nasce da una errata interpretazione delle norme. La Cassazione, infatti, non spiega perché mai la proroga della durata dei permessi e delle concessioni costituisca un problema per la ricerca e le estrazioni in mare (e che quindi si debba andare a referendum), mentre non costituisce un problema per la ricerca e le estrazioni in terraferma (e che quindi non si debba andare a referendum). La decisione è contraddittoria e non pone rimedio all’elusione della proposta referendaria. Per quanto riguarda il piano delle aree, la decisione della Cassazione non poteva, forse, essere diversa: i promotori del referendum davano per scontato che il “piano delle aree” fosse cosa buona e giusta perché dal 1927 ad oggi il rilascio dei permessi e delle concessioni è sempre avvenuto in modo – per così dire – “selvaggio”, e cioè senza una pianificazione. In Italia si può cercare ed estrarre praticamente ovunque, senza che si tenga conto del fatto che esistono aree interessate da agricoltura di pregio, aree di interesse naturalistico, aree fortemente antropizzate, e così via. Il piano avrebbe dovuto stabilire dove fosse possibile (e dove no) cercare ed estrarre. Lo Sblocca Italia prevedeva, tuttavia, che il piano dovesse essere elaborato dal ministero dello sviluppo economico con la partecipazione fittizia degli enti locali e delle regioni e che, in attesa dell’elaborazione del piano, fosse possibile rilasciare permessi e concessioni. La proposta referendaria mirava: 1) a cancellare la partecipazione fittizia delle regioni e degli enti locali alla elaborazione del piano; 2) a vietare il rilascio di nuovi permessi e di nuove concessioni fino a quando non fosse stato adottato il piano. Ebbene, il Parlamento ha soppresso la norma che prevedeva il piano e, in questo modo, è caduto anche il quesito referendario: non c’è più l’oggetto sul quale far votare i cittadini.

Per questa ragione è assolutamente urgente recuperare il quesito sul piano delle aree. E per farlo occorre che I DELEGATI DELLE REGIONI CHE HANNO PROMOSSO IL REFERENDUM PROMUOVANO ORA UN CONFLITTO DI ATTRIBUZIONE DINANZI ALLA CORTE COSTITUZIONALE NEI CONFRONTI DEL PARLAMENTO.
Se la Corte ammetterà il conflitto e deciderà che vi è stata effettivamente elusione dei quesiti sulla durata dei titoli e sul piano, la sua decisione sarà in condizione di annullare le modifiche del Parlamento su questi due punti. Ciò vuol dire che rivivranno le norme sulle quali era stato proposto il referendum e, a quel punto, il referendum si potrà celebrare su TRE QUESITI: IL MARE, LA DURATA DEI PERMESSI E DELLE CONCESSIONI E IL PIANO DELLE AREE.

MINARE IL REFERENDUM E RILANCIARE L’ATTIVITA’ PETROLIFERA (FOCUS SUL PIANO DELLE AREE)

CON LA LEGGE DI STABILITA’ 2016 IL GOVERNO HA ELIMINATO IL “PIANO DELLE AREE”: ECCO COME E’ ANDATA E PERCHE’

stabavatA fine 2014 il Governo inseriva nello Sblocca Italia, mediante una specifica disposizione contenuta nella Legge di Stabilità 2015, la previsione di uno strumento di programmazione e razionalizzazione delle aree da destinare alle attività “petrolifere”, rispondente alla necessità di armonizzare le scelte riguardanti nuovi progetti Oil&Gas con le politiche energetiche, di governo del territorio e di tutela dell’ambiente che interessano i singoli contesti regionali.
Non bisogna dimenticare, infatti, che in una delle prime bozze dello Sblocca Italia, seguendo una logica avulsa da qualsiasi disegno programmatico, il Governo aveva previsto che potessero essere aperte alle attività estrattive persino il Golfo di Napoli, il Golfo di Salerno e l’area marina delle Isole Egadi.
Nelle intenzioni dei proponenti il varo di un Piano delle Aree avrebbe dovuto costituire un argine, seppur debole, a quegli imprevedibili cambi di rotta da parte del Governo di turno.

Questo era il comma 554, dell’Art. 1, inserito nella Legge 190/2014 (Legge di Stabilità 2015, in vigore dal 1 gennaio 2015):
554. All’articolo 38 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164, il comma 1-bis e’ sostituito dal seguente: «1-bis. Il Ministro dello sviluppo economico, con proprio decreto, sentito il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, predispone un Piano delle Aree in cui sono consentite le attività di cui al comma 1. Il piano, per le attività sulla terraferma, è adottato previa intesa con la Conferenza Unificata. In caso di mancato raggiungimento dell’Intesa, si provvede con le modalità di cui all’articolo 1, comma 8-bis, della legge 23 agosto 2004, n. 239. Nelle more dell’adozione del Piano i titoli abilitativi di cui al comma 1 sono rilasciati sulla base delle norme vigenti prima della data di entrata in vigore della presente disposizione».

L’articolo 1, comma 554, inserito nel corso del passaggio in Senato, richiedeva l’Intesa delle Regioni interessate nella definizione – da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, sentito il Ministero dell’Ambiente – di un Piano delle Aree in cui consentire le attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi e quelle di stoccaggio sotterraneo di gas naturale.
In caso di mancato raggiungimento dell’intesa, peraltro, gli atti sarebbero stati rimessi alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Nelle more dell’adozione del Piano i titoli abilitativi sarebbero stati rilasciati sulla base delle norme vigenti prima della data di entrata in vigore della nuova disposizione.

Dopo le opportune valutazioni “necessarie” dello Stato, anche rispetto alla generalità dei giusti vincoli incidenti sulla sua elaborazione, il Piano avrebbe ridotto lo spazio nazionale destinato all’Oil & Gas, razionalizzando le aree destinate allo sfruttamento dei giacimenti di idrocarburi sia in terraferma che in mare. Pertanto all’approvazione del Piano sarebbe stata subordinata la possibilità di richiedere i nuovi titoli concessori unici introdotti con lo Sblocca Italia.

Nel novembre del 2015, a circa un anno di distanza dalla conversine in legge dello Sblocca Italia, dopo il positivo pronunciamento della Corte Cassazione sui 6 quesiti depositati, entra nel vino l’azione referendaria No Triv.

Il Governo è costretto ad intervenire in anticipo per scongiurare la consultazione popolare e, con essa, gli effetti politici e normativi di una sconfitta del fronte governativo/petrolifero. Secondo l’Esecutivo il referendum e, con esso, il Piano delle Aree, andava sabotato!

E così il 13 dicembre 2015 negli emendamenti alla Legge di Stabilità 2016 vengono inserite “alla lettera” le abrogazioni proposte col referendum No Triv ma con integrazioni ed abrogazioni -non richieste- di alcune disposizioni oggetto di prossimo referendum. A meno di 30 giorni dall’inizio dell’esame dei quesiti da parte della Corte Costituzionale, il Governo interviene a gamba tesa sull’oggetto del contendere, apre la strada a rischiose ambiguità normative e, “soprattutto”, svincola le istanze delle multinazionali dai limiti della pianificazione che avrebbe dovuto essere messa a punto con il Piano delle Aree.
Negli emendamenti del Governo, presentati domenica 13 dicembre 2015 alla Camera-Commissione Bilancio, sottoposti poi al Senato “senza voto di fiducia” prima del passaggio “blindato” alla Camera dei Deputati per l’approvazione definitiva della Legge di Stabilità 2016, il comma 1 bis dell’art. 38 dello Sblocca Italia scompare definitivamente e, con esso, il “Piano delle Aree”.

L’intervento del Governo è inaccettabile: il Coordinamento Nazionale No Triv mette a disposizione del Parlamento il testo di sub-emendamenti correttivi per far sì che gli obiettivi del referendum vengano rispettati integralmente e non stravolti dalle disposizioni inserite in Legge di Stabilità.

Il 19 dicembre 2015 si votano alla Camera gli ultimi due emendamenti correttivi No Triv presentati e sostenuti da parte dei parlamentari presenti. Pur richiedendo ed ottenendo la votazione per parti separate, in modo da evitare mancate convergenze dell’aula e da “costringere” i parlamentari a prendere posizione su ogni singolo punto, la Camera respinge: su 440 votanti, 347 deputati si esprimono contrariamente al mantenimento della previsione del “Piano delle Aree”, sostenendo così l’emendamento governativo e l’abrogazione integrale del comma 1-bis/art. 38 dello Sblocca Italia.

Questo l’emendamento No Triv – sottoposto ai deputati e bocciato dal voto in Aula – per il mantenimento del Piano delle Aree, con tanto di previsione di compartecipazione Stato/Regioni alla sua redazione:
«1-bis. La Conferenza Stato Regioni, su proposta del Ministero dello Sviluppo Economico sentito il Ministero dell’Ambiente, predispone un piano delle aree in cui sono consentite le attività di cui al comma 1. Il piano di cui al primo periodo è adottato con decreto del Ministro dello sviluppo economico, sentito il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare».


 

FOCUS SINTETICO: IL “PIANO DELLE AREE”

A cosa serve un Piano delle Aree per le attività “petrolifere”?
Ad evitare, ad esempio, che in futuro possano essere ripensate alcune scelte che hanno risparmiato dall’assalto delle trivelle alcuni tra i luoghi più suggestivi e fragili della Penisola; ad esempio, il Golfo di Napoli, il Golfo di Salerno, l’area marina delle Isole Egadi che, secondo una delle prime bozze dello Sblocca Italia, avrebbero potuto ospitare attività estrattive.
Come già accaduto, ad esempio, per il Golfo di Taranto, in assenza di un Piano delle Aree elaborato con la partecipazione fattiva e non di facciata delle Regioni, le aree finora interdette alle attività Oil & Gas e, più complessivamente, quelle di maggior pregio paesistico, naturalistico, economico (es: aree destinate a colture di pregio) potrebbero finire un giorno, per semplice decreto, sotto le grinfie delle compagnie petrolifere.
Non si comprende poi la ragione per cui per le sole attività petrolifere il Governo abbia avvertito la necessità di abrogare, in perfetta solitudine, questo delicato strumento di pianificazione mentre invece, per le energie rinnovabili, esistano dal 2010 (Governo Berlusconi) Linee Guida, licenziate dal MISE di concerto con il Ministero dell’Ambiente e con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, e preventivamente discusse ed approvate dalla Conferenza Unificata, allo scopo di “facilitare un contemperamento fra le esigenze di sviluppo economico e sociale con quelle di tutela dell’ambiente e di conservazione delle risorse naturali e culturali nelle attività regionali di programmazione ed amministrative”.
Se esistono Linee Guida -sovente disattese per installazioni multimegawatt- per gli impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, a maggior ragione dovrebbe essere reintrodotto un strumento di pianificazione per attività intrinsecamente insostenibili.

Quale avrebbe potuto essere l’utilità del Piano delle Aree?
Nelle intenzioni del legislatore il Piano delle Aree avrebbe dovuto funzionare da strumento di regolamentazione, programmazione e razionalizzazione delle attività estrattive nel nostro Paese. Come noto, il Piano non ha mai visto la luce e la sua stessa previsione è stata abrogata dal Parlamento in base ad un emendamento alla Legge di Stabilità 2016 presentato dal Governo.
Attraverso un processo decisionale in cui sarebbero state rese partecipi le Regioni ma in cui l’ultima parola sarebbe toccata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, all’interno delle aree teoricamente aperte alle attività di prospezione, ricerca e coltivazione di gas e petrolio sarebbero state individuate le aree per le quali non avrebbero potuto essere avanzate istanze di alcun genere.
Il quesito referendario no triv n. 2 mira a rafforzare il ruolo delle Regioni, ad estendere la previsione del Piano anche al mare, entro ed oltre il limite delle 12 miglia, e a ribadire il concetto che in assenza di Piano non può essere richiesto e rilasciato alcun titolo secondo le modalità previste dallo Sblocca Italia.

Quali risultati concreti ha prodotto la previsione del Piano delle Aree?
Per stessa ammissione di alcuni operatori del settore, il Piano delle Aree e la connessa regolamentazione delle attività estrattive non sono mai stati presenti nell’elenco delle richieste avanzate al Governo dalle compagnie petrolifere. E infatti, non essendo mai stato approvato, l’aver previsto il Piano ha di fatto impedito la richiesta di titoli secondo le norme particolarmente favorevoli dello Sblocca Italia.
A richiedere, un anno fa, la previsione del Piano delle Aree furono alcune Regioni (Basilicata in testa) interessate a recuperare, seppur in minima parte ed in posizione di subalternità, il loro potere di decisione azzoppato dallo Sblocca Italia.
Fu quello il principale se non l’unico risultato ottenuto dai fautori della linea del dialogo con il Governo in luogo di quella dello scontro nelle aule dei tribunali. Ad un anno di distanza la risposta del Governo non si è fatta attendere: quello strumento, seppur imperfetto ma funzionale allo stop momentaneo delle richieste di istanze, è stato abrogato.

Cosa era subordinato all’approvazione del Piano delle Aree? Perché tanta attenzione da parte del Governo?
Il rilascio di nuovi titoli minerari. Le norme abrogate con la Legge di Stabilità 2016 prevedevano che nelle more dell’adozione del Piano i titoli abilitativi potessero essere rilasciati unicamente sulla base delle norme vigenti prima del 1° gennaio 2015.
L’abrogazione della obbligatorietà del Piano delle Aree era condizione necessaria per lo sviluppo di nuovi progetti nell’Oil&Gas. Il Governo ha pensato bene di andare in questa direzione, favorendo così chi ancora crede ed investe nello sviluppo delle energie fossili nel nostro Paese.

Quali erano i limiti della normativa sul Piano delle Aree (comma 554 art 1 Legge di Stabilità 2015) ora abrogata?
La debolezza dei meccanismi di partecipazione delle Regioni alle decisioni riguardanti la formulazione del Piano riguardante -ecco un secondo limite- unicamente le attività sulla terraferma. In caso di mancato raggiungimento dell’Intesa, era previsto che dovesse cessare qualsiasi confronto tra Stato e Regioni e che l’ultima parola spettasse comunque al Governo.

Cosa si voleva e si vuole ottenere con il quesito referendario n. 2?
Superare i limiti della normativa sul Piano delle Aree.
Conferire maggiori poteri alle Regioni nella definizione del Piano e, quindi, nella individuazione delle aree, sia su terraferma sia in mare anche oltre il limite delle 12 miglia, da sottrarre alle attività di prospezione, ricerca e coltivazione di gas e petrolio.
E’ inaccettabile e grave che una Regione non possa partecipare, in posizione di parità rispetto allo Stato, alla determinazione di scelte che necessariamente interferiscono con le politiche energetiche, di governo del territorio e di tutela dell’ambiente che la interessano ed investono direttamente.
Scopo dell’abrogazione referendaria era ed è ancora quello di lasciar esprimere la Conferenza unificata sul piano nella sua interezza (terraferma e mare) e, per altro verso, di evitare che, in caso di mancato raggiungimento dell’Intesa, il Governo possa far ricorso all’esercizio del potere sostitutivo.
Il quesito, infine, riguarda anche la disciplina transitoria introdotta dalla legge di stabilità 2015, in base alla quale – nelle more dell’approvazione del Piano – il rilascio dei titoli abilitativi sarebbe consentito sulla base delle norme ormai abrogate dallo Sblocca Italia.
Eliminando per via referendaria questa disposizione si avrebbe, per un verso, che le attività di ricerca e di coltivazione degli idrocarburi già autorizzate continuino ad essere esercitate e, per altro verso, però, che fino all’adozione del Piano non possano essere rilasciati nuovi titoli.

Cosa ha fatto il Governo con la Legge di Stabilità 2016?
Avendo fiutato il pericolo di trovare un ostacolo nell’ostruzionismo delle Regioni nell’approvazione del Piano e, quindi, di non poter rilasciare nuovi titoli, ha sciolto il nodo referendario “a monte”: anziché modificare la normativa ripristinando il rispetto del principio di leale collaborazione, ha abrogato la previsione del Piano in modo da impedire stabilmente alle Regioni di interferire nella individuazione delle aree del territorio nazionale da interdire alle attività estrattive.
Inoltre, essendo venuta meno la previsione del Piano, ha rimosso uno dei principali impedimenti al rilascio di nuovi titoli.
L’abrogazione voluta dal Governo e votata dal Parlamento ha il chiaro obiettivo di sabotare il referendum e di superare l’empasse in cui lo stesso Governo si era cacciato con le modifiche allo Sblocca Italia introdotte nella Legge di Stabilità 2015.
In sintesi, segna indiscutibilmente un punto importante a favore delle trivelle.

30 dicembre 2015

DOWNLOAD: FOCUS SINTETICO SULL’ELIMINAZIONE DEL PIANO DELLE AREE AREE

LEGGI ANCHE: REFERENDUM NO TRIV E LEGGE DI STABILITA’ 2016, FACCIAMO IL PUNTO

REFERENDUM NO TRIV E LEGGE STABILITA’: FACCIAMO IL PUNTO

idealIn attesa della pubblicazione della Legge di Stabilità 2016 sulla Gazzetta Ufficiale e della preannunciata Circolare MISE che andrà a chiarire taluni aspetti della nuova disciplina dei procedimenti in corso relativi ad istanze di ricerca e concessione di coltivazione off shore entro le 12 miglia marine, è possibile tracciare un primo bilancio provvisorio della campagna referendaria no triv avviata la scorsa estate da oltre 200 associazioni, movimenti e comitati, che ha spinto ben 10 Assemblee elettive regionali a deliberare la richiesta di referendum.
Dopo aver superato indenni il controllo di regolarità della Corte di Cassazione, il 13 gennaio prossimo i 6 quesiti saranno al vaglio della Corte Costituzionale che dovrà pronunciarsi sulla loro ammissibilità anche alla luce di una serie di norme che il Governo ha inserito con apposito emendamento nella Legge di Stabilità 2016 sotto la minaccia incombente del referendum.
Per valutare a pieno le immediate ricadute della Legge di Stabilità sul futuro energetico del nostro Paese, bisognerà attendere la richiamata circolare del MISE. Tuttavia, una volta entrate in vigore, le modifiche normative approvate dal Parlamento determineranno comunque un punto a favore della battaglia no triv; produrranno risultati certi, ancorché molto parziali e non appaganti, che vanno ascritti per intero alle capacità di intuizione, elaborazione e mobilitazione di quanti hanno individuato nel referendum lo strumento più efficace e immediato per cogliere obiettivi mai ottenuti per altra via se non, una volta sola, per concessione del Governo Berlusconi a seguito del disastro della Deepwater Horizon nel 2010.
Secondo dati del Ministero diffusi da “La Staffetta Quotidiana” (v. anche tavole) e secondo unanime opinione espressa da media ed analisti, la pressione referendaria ha prodotto la sospensione di numerosi procedimenti autorizzativi; in particolare di:

– 15 istanze di ricerca di cui 3 hanno avuto già una V.I.A. favorevole da parte del Ministero dell’ambiente, 11 hanno il procedimento di VIA in corso ed 1 deve ancora ottenere il parere da parte della CIRM. Attualmente sono in corso ben 41 istanze di permesso in mare;
– 8 istanze di concessione di coltivazione. Ben 5 di queste si trovano completamente all’interno della zona interdetta; 6 sono in corso di VIA, 1 in fase CIRM e di 1 (Ombrina Mare) si attende la pubblicazione del relativo decreto di concessione;
– 4 istanze di permesso di prospezione; tra queste spiccano le 2 della Spectrum Geo, sui cui si pronuncerà il TAR Lazio nel corso del 2016 a seguito del ricorso presentato dalla Provincia di Teramo e da alcuni Comuni abruzzesi e marchigiani.

1Con la Legge di Stabilità, che recepisce formalmente 3 dei 6 quesiti referendari, vengono meno i caratteri di “strategicità, indifferibilità ed urgenza delle attività petrolifere” ed il “vincolo preordinato all’esproprio della proprietà privata”, prevista dallo Sblocca Italia già a partire dalla fase di ricerca degli idrocarburi.
Prendendo ad esempio una delle 55 istanze di ricerca su terraferma in corso, la “Corropoli”, rimasta incagliata nelle secche del rilascio dell’Intesa, se nel 2004 il soggetto proponente avesse potuto avvalersi dell’opportunità prevista nell’art. 38 comma 1 dello Sblocca Italia, avrebbe richiesto senz’altro il rilascio del titolo unico concessorio e l’esproprio dell’intera area interessata dall’istanza, pari a 172 kmq., fin dalla fase della ricerca.
Si deve alla spada di Damocle del referendum se oggi pericoli simili possano dirsi momentaneamente scampati.
2Infine, per evitare nell’immediato uno scontro istituzionale che sarà comunque inevitabile tra qualche mese in occasione del referendum sulla revisione del Titolo V della Costituzione, il Governo ha ripristinato il principio di leale collaborazione con le Regioni che, come nel recente passato, sono nuovamente chiamate ad esprimere un’Intesa “forte” sul rilascio dei titoli minerari.
Grazie alla minaccia del referendum, l’Intesa torna ad essere atto a struttura bilaterale, non più nella sola disponibilità dello Stato.
Appena un anno fa numerose Regioni si apprestavano a presentare ricorso alla Corte Costituzionale contro l’art 38 comma 1 dello Sblocca Italia e contro la Legge di Stabilità 2015. Si sarebbero poi ripetute in occasione della pubblicazione del Disciplinare-tipo ma senza ottenere da parte del Governo alcuna apertura al confronto e, men che meno, un’inversione di rotta.
Fin qui i fatti che necessitano di essere analizzati, soppesati e contestualizzati.
Il Coordinamento Nazionale No Triv ha manifestato fin da principio gravi e motivate perplessità sulle reali intenzioni del Governo, evidenziando le minacce insite nell’emendamento approvato in prima istanza alla Camera in Commissione Bilancio (in primis, abrogazione del Piano delle Aree tanto avversato dalle compagnie petrolifere e doppio binario per il rilascio dei titoli) e facendosi esso stesso promotore di adeguate contromosse sul piano normativo per ottenere, ad esempio, l’immediato ripristino del Piano delle Aree e, più in generale, per salvaguardare lo spirito e gli obiettivi del referendum mentre Governo e Parlamento hanno preferito battere altra strada per ingabbiarlo.
Del resto, a supporto di un’insospettabile sensibilità ecologista il Governo avrebbe potuto semplicemente riprodurre integralmente e fedelmente i quesiti referendari, inserendoli tout court nella Legge di Stabilità. Il che non è stato.
3Preoccupato per via di un’opinione pubblica che recenti sondaggi danno in larga maggioranza schierata su posizioni No Triv, l’Esecutivo è stato costretto ad un riposizionamento tattico per di tentare di eludere il referendum, rinviando a tempi più fausti lo scontro finale con le forze che compongono il cartello referendario e preventivando, da qui a un anno, un nuovo cambio di rotta, questa volta manifestamente in senso Sì Triv.
Intervenendo sulla Legge di Stabilità, il Governo ha tentato di disinnescare il primo di una serie di referendum che ne minacciano la tranquilla navigazione fino al referendum sulla revisione della Costituzione e, in prospettiva, fino alla scadenza naturale della legislatura: Italicum, riforma del mercato del lavoro, cattiva scuola, ecc.. Sciogliere tutti i nodi contemporaneamente sarebbe stato rischioso per chiunque.
Renzi ha pagato dazio: pur facendo di necessità virtù, rispondendo alla sfida No Triv ha evidenziato la sua vulnerabilità ed i suoi punti deboli. Il Presidente del Consiglio non è più in grado di garantire certezze alla City londinese ed agli investitori interessati a scommettere sul futuro prossimo dell’Oil&Gas in Italia.
Le compagnie più colpite dalla sospensione dei procedimenti saranno costrette a rivedere le loro previsioni al ribasso ed i loro progetti di investimento più di quanto avrebbero dovuto fare a causa della tendenza ribassista del prezzo del greggio.
Confidiamo dunque che alla ExxonMobil, andata via dalla Val D’Agri in Basilicata, possano seguire, anche per effetto del referendum, altre compagnie petrolifere, Rockhopper Exploration in testa.
4L’incertezza normativa generata dalla Legge di Stabilità è un dato di realtà con cui i mercati mal volentieri si stanno confrontando: l’Italia ha confermato la sua fama di Paese imprevedibile, in cui investire nell’Oil&Gas riserva enormi incognite; è quel Paese in cui, nonostante il piglio decisionista ed irriverente di Renzi, unito alla frammentazione delle opposizioni parlamentari, “quattro comitatini” possono indurre un Governo a rivedere i propri piani, a soprassedere dall’assumere decisioni impopolari ma vitali per l’establishment finanziario.
L’approvazione della Legge di Stabilità è oggettivamente la prima battuta d’arresto per il Presidente del Consiglio, considerato finora “affidabile” dai poteri forti e dalle lobbies del gas e del petrolio.
Al netto da ogni contrapposizione tra fautori e detrattori del referendum, tra minoranze e maggioranza parlamentare, tra chi è amante e cultore dell’estetica della lotta e chi invece ritiene -come noi- che i nodi politici debbano essere sciolti misurandosi sul campo e nel merito con gli avversari, e senza nulla voler anticipare rispetto a considerazioni il cui tempo è rinviato a dopo il 13 gennaio, l’esperienza degli ultimi mesi dimostra che la partecipazione, la pressione che in modo unitario e trasversale le associazioni, i movimenti ed i comitati possono esercitare sulle istituzioni, sono in grado di influenzare e determinare le scelte della “politica”.
Che l’iniziativa partecipata e condivisa dal basso dimostra di essere in grado di costruire relazioni sociali democratiche e di tracciare allo stesso tempo un orizzonte di senso comune.

Coordinamento nazionale No Triv

PROGETTO PETROLIFERO “TEMPA ROSSA”; APPELLO AL PRESIDENTE DELLA REGIONE PUGLIA

idealIl progetto ‘’Tempa Rossa’’, com’è noto, prevede lo stoccaggio e la movimentazione di 2,7 milioni di tonnellate annue di greggio estratto dall’omonimo giacimento in Basilicata. Tale greggio sarà poi stoccato in due enormi serbatoi situati nella raffineria di Taranto e trasportato verso altre raffinerie. Questo comporterà un imponente aumento del traffico di petroliere in Mar Grande, nel Golfo di Taranto, ed avrà conseguenze di natura ambientale sia in fase di stoccaggio sia in fase di movimentazione, oltre a determinare un aumento del rischio di incidenti rilevanti.

Il provvedimento adottato il 30 novembre scorso dal dirigente del Ministero dello sviluppo economico, relativo al progetto “Tempa Rossa”, costituisce l’ultimo atto che precede il rilascio dell’autorizzazione definitiva per l’adeguamento delle strutture della raffineria di Taranto. L’autorizzazione all’adeguamento della raffineria dovrà essere rilasciata previa intesa con la Regione Puglia, come previsto dalla legge.
Com’è noto, le modifiche presentate dal Governo alla legge di stabilità attualmente in discussione in Parlamento accolgono alcuni quesiti referendari, tra i quali quello relativo all’art. 57 del decreto-legge n. 5 del 2012, riguardante le infrastrutture strategiche, nel testo modificato dal Parlamento nel dicembre del 2014.

Lo scorso anno, infatti, il Parlamento è intervenuto su alcune previsioni di quel decreto, stabilendo che tanto per le infrastrutture e gli insediamenti strategici, quanto per le opere necessarie al trasporto, allo stoccaggio, al trasferimento degli idrocarburi in raffineria e, più in generale, per le opere strumentali allo sfruttamento degli idrocarburi – quand’anche localizzate al di fuori del perimetro delle aree date in concessione di coltivazione – le autorizzazioni relative debbano essere rilasciate d’intesa con le Regioni interessate, secondo una procedura semplificata da far valere nell’esercizio del potere sostitutivo dello Stato in caso di mancato accordo con le Regioni.
Ebbene, la proposta referendaria, al momento al vaglio della Corte costituzionale, mira ad abrogare la possibilità che, per le ipotesi citate, lo Stato possa esercitare il potere sostitutivo secondo la procedura semplificata disciplinata dalla legge n. 239 del 2004. Questa abrogazione è ora accolta dal Governo nel pacchetto di emendamenti alla legge di stabilità, che entrerà in vigore il 1° gennaio 2016.

Alla luce di tutto ciò, è necessario rivolgere un appello al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano affinché chieda al Ministero dello Sviluppo Economico di voler dare applicazione alla nuova e più garantista normativa prima che sia rilasciata l’autorizzazione sull’adeguamento della raffineria di Taranto, in modo da giungere ad un effettivo accordo con la Regione Puglia. Nel caso di mancata intesa sul progetto, si chiede, per conseguenza, che il Governo nazionale avvii una reale trattativa con la Regione, nel rispetto del principio di leale collaborazione, pietra angolare del quesito referendario ed anche della modifica normativa.

Il governo regionale di Puglia è pertanto chiamato ad una importante prova di reale rappresentanza delle istanze dei territori, dei cittadini, delle associazioni, avendo un’occasione per dimostrare un notevole cambio di tendenza nelle modalità di coinvolgimento e di ascolto della volontà collettiva.

Si invitano i comitati, le associazioni e i movimenti che hanno a cuore il futuro dei nostri territori a sottoscrivere il presente appello, affinché le decisioni in ordine alla realizzazione delle opere nel nostro Paese non sia solo appannaggio dello Stato centrale, ma siano condivise anche con le collettività territoriali.

Taranto, 21 dicembre 2015

Movimento Stop Tempa Rossa
Coordinamento Nazionale No Triv

IL PUNTO SUL REFERENDUM, ALLA LUCE DELLE MODIFICHE NORMATIVE INTRODOTTE IN LEGGE DI STABILITA’ 2016

radioApproda oggi in Senato la Legge di stabilità 2016, approvata dalla Camera nella notte tra sabato e domenica.

In attesa del via libera definitivo, atteso entro il 25 dicembre, facciamo il punto sugli emendamenti del Governo, inseriti nel testo per scongiurare il Referendum No Triv.

Nel file audio una breve intervista ad Enzo Di Salvatore, andata in onda questa mattina su Radio 1 Rai, durante la trasmissione  “Voci del Mattino”.

IL GOVERNO VUOLE SABOTARE IL REFERENDUM NO TRIV; UN CAVALLO DI TROIA NELLA LEGGE DI STABILITA’

BOCCIATI I SUB EMENDAMENTI CORRETTIVI PRESENTATI DAI NO TRIV. IL GOVERNO TRADISCE LO SPIRITO DEL REFERENDUM

Roma, 16 dicembre 2015

Comunicato Coordinamento nazionale No Triv

avatarsitostabilitaUn autentico inganno. Gli emendamenti presentati dal Governo alla legge si stabilità 2016 ricalcano solo apparentemente i quesiti referendari. Le modifiche proposte dall’Esecutivo, tra abrogazioni e aggiunte normative, dissimulano in modo subdolo il rilancio delle attività petrolifere in terraferma e in mare e persino entro le 12 miglia marine, eludendo con ciò gran parte degli obiettivi del referendum No Triv.

Tradito ne è lo spirito complessivo.

I passaggi normativi del disegno governativo sono riassunti nella abolizione del “piano delle aree” (strumento di razionalizzazione delle attività Oil & Gas) e nella previsione per cui si fanno salvi tutti i procedimenti collegati a“titoli abilitativi già rilasciati” all’entrata in vigore della legge di stabilità 2016 “per la durata di vita utile del giacimento”. Un mix esplosivo, che avrebbe effetti devastanti sul referendum e sul futuro dei mari italiani, atteso che l’obiettivo principale del Governo è mantenere in vita e a tempo indeterminato tutti i procedimenti attualmente in corso entro le 12 miglia marine. La soppressione del “piano delle aree”costituisce, poi, il vero “cavallo di Troia” del Governo: il Coordinamento Nazionale No Triv lo aveva già evidenziato domenica 13 dicembre, formulando per l’occasionealcuni sub-emendamenti volti a correggere le proposte dell’Esecutivo.

Emendamenti che, tuttavia, sono stati bocciati alla Camera dei deputati in Commissione Bilancio.

Nulla è negoziabile rispetto all’obiettivo dei quesiti: non lo è il “piano delle aree”, in quanto strumento di razionalizzazione delle attività di ricerca ed estrazione degli idrocarburi; non lo è lo sfruttamento a tempo indeterminato dei giacimenti; non lo è la possibilità che i procedimenti entro le 12 miglia marine siano solo sospesi e non chiusi definitivamente; non lo è neppure l’istituzione di un doppio regime di titoli (permessi di ricerca e concessioni di coltivazione/titoli concessori unici) che consentono a discrezione delle società petrolifere di scegliere a proprio piacimento in che modo esercitare le attività petrolifere nel nostro Paese.

Il Coordinamento Nazionale No Triv è stato da sempre chiaro sul punto. Delle due l’una: o con le modifiche si accolgono tutti i quesiti referendari senza tradirne lo spirito o si va a referendum. Nessuno è autorizzato a mediare rispetto a questa alternativa, cercando un punto di incontro e accontentando, con un compromesso al ribasso, le Regioni e i loro delegati, attraverso la facile promessa di un maggiore loro coinvolgimento nelle scelte che in materia lo Stato effettuerà d’ora in avanti. Una promessa del tutto evanescente, destinata ad essere tradita dopo le elezioni amministrative del prossimo anno e dopo il referendum sulla revisione costituzionale, che com’è noto, riconduce nelle mani esclusive dello Stato ogni scelta in fatto di energia.

Gli emendamenti proposti dal Governo costituiscono un autentico atto di sabotaggio e uno schiaffo alla democrazia nel nostro Paese. Per questo chiediamo ai delegati delle Regioni di rispettare il mandato ricevuto loro dai rispettivi Consigli e a alle cittadine e ai cittadini italiani che hanno a cuore la proposta del referendum di percorrere assieme a noi e fino in fondo la strada referendaria.

IN ALLEGATO LA NOTA TECNICA REDATTA DAL PROF. ENZO DI SALVATORE

NOTA TECNICA – OSSERVAZIONI SULLE PROPOSTE EMENDATIVE DEL GOVERNO

IL REFERENDUM NO TRIV E’ GARANZIA DI DEMOCRAZIA E DIFESA DEL TERRITORIO

avatar_giulemaniLo scorso 28 novembre la Corte di Cassazione ha dato il via libera ai 6 quesiti referendari del Comitato No Triv, dichiarandoli “conformi alla legge”.

Ciò ha causato la reazione immediata del Governo Renzi che si è messo al lavoro per modificare alcune norma dello Sblocca Italia, in modo da accontentare le Regioni che hanno deliberato la richiesta di referendum e al tempo stesso lasciare immutato nella sostanza l’impianto dei quesiti.

“Da rilevare l’assoluta incoerenza del Governo nazionale: da un anno a questa parte sta rilasciando un gran numero di decreti di compatibilità ambientale per nuovi progetti di ricerca ed estrazione di idrocarburi in mare e in terraferma” – dichiara il costituzionalista Enzo Di Salvatore, autore dei 6 quesiti referendari – “e ora, dopo il via libera della Cassazione, si dichiara pronto ad aprire una trattativa con le Regioni sulle norme oggetto del referendum. Ma il referendum non è più nella disponibilità di nessuno“.

Di Salvatore prosegue “La strada referendaria è l’unica che possa fornire solide garanzie: gli effetti dell’abrogazione, in questo caso, sarebbero diversi da quelli che si avrebbero qualora il governo o il parlamento intervenissero con atto normativo. Se si arrivasse all’abrogazione referendaria, il Governo o il Parlamento non potrebbero reintrodurre le norme abrogate. Questa certezza, invece, non ci sarebbe se quelle norme venissero abrogate con decreto-legge o con legge” – e conclude – “D’altra parte l’esperienza insegna: nel 2010 il decreto Prestigiacomo aveva vietato la conclusione dei procedimenti in corso per il rilascio dei permessi di ricerca e delle concessioni di estrazione in mare; nel 2012 Monti ha rimosso quel divieto”.

Il Governo sta cercando la sponda di qualche Regione Sì Triv, pochi giorni fa il Ministro Guidi ha incontrato il Presidente della Regione Emilia-Romagna e alcuni isolati consiglieri regionali. Uno o più emendamenti alla Legge di Stabilità 2016 o un decreto ad hoc potrebbero essere gli strumenti utilizzati. Ma i contenuti delle modifiche normative che il Governo metterà sul tavolo come contropartita sono tutti da verificare.

“Noi come Comitato referendario No Triv ci opponiamo a che il Governo modifichi in parte le norme oggetto di referendum” – afferma Enrico Gagliano – “Se il Governo fosse in buona fede e volesse ripensare il ruolo delle energie fossili a livello nazionale, dovrebbe procedere con la modifica legislativa in blocco e senza aggiungere altre norme”.

“Non si comprende perché si continui a sostenere che l’obiettivo è modificare le norme e non il referendum: è giusto che siano i cittadini italiani a decidere su un tema così importante” – aggiunge Stefano Pulcini del Coordinamento Nazionale No Triv – “Alcuni delegati regionali si comportano come se fossero delegati del partito che li ha eletti e non delegati del Consiglio regionale di provenienza. Sorprende che le opposizioni non abbiano nulla da dire al riguardo. I delegati hanno un vincolo di mandato e se non condividono la scelta effettuata dal consiglio regionale che li ha eletti devono dimettersi dal loro ruolo“.

Il movimento No Triv rilancia con determinazione la sfida referendaria per impedire che i territori e le Regioni italiane vengano inquinati e impoveriti, e i cittadini privati del diritto di voto.

L’Italia, conosciuta in tutto il mondo per la bellezza del suo paesaggio, vive il paradosso di essere al contempo prima al mondo per biodiversità con 7.000 differenti specie vegetali, 58.000 specie animali, con 140 diversi tipi di grano e 1.800 vigneti spontanei e di essere al contempo il Paese in cui le attività impattanti sull’ambiente scaricano costi sui bilanci di imprese e famiglie per oltre 48 miliardi di euro l’anno (oltre il 3% del P.I.L.).

Lo Sblocca Italia prevede che chiunque possa agevolmente fare ricerca ed estrarre idrocarburi all’interno dei territori e in mare.

Roma, 10 dicembre 2015

IL GOVERNO FA BENE A TEMERE IL REFERENDUM, MA SI GUARDI BENE DAL TOCCARLO

avatar_giulemaniIl dado è quasi tratto. Una volta che la Corte Costituzionale si sarà pronunciata sulla sua ammissibilità, il referendum diverrà realtà. Dopo i sei “sì” della Corte di Cassazione, Renzi e il Governo temono che il fronte delle 200 associazioni, che ha spinto ben 10 Assemblee elettive regionali a chiedere il referendum, abbia ora la forza necessaria per raggiungere il quorum previsto dalla legge e la capacità di far esplodere lo scontro istituzionale tra Stato e Regioni, mettendo Renzi in minoranza.

Attendiamo fiduciosi il 13 gennaio, confidando nel giudizio positivo della Consulta, con l’attenzione rivolta alla nomina dei tre nuovi “togati”; nomine che, per ovvie ragioni sono, più che mai adesso, fonte di ansia per il Governo.

Sarà la Corte, infatti, nella sua composizione “rinnovata” a doversi esprimere su tutta una serie di questioni dolenti e decisive per le sorti del Paese: Italicum, Riforma del Lavoro, Cattiva Scuola, Sblocca Italia, ecc..

Il referendum no triv è riuscito in una missione considerata finora impossibile: fare da collante tra forze eterogenee ma accomunate da una diversa idea della politica e del Paese, persone diverse tra loro ma tutte colpite da politiche che in pochi mesi hanno inferto un duro colpo ai pilastri del welfare e della sicurezza sociale.
Mai così debole nei sondaggi, Renzi teme che venga messa in discussione non solo la Strategia Energetica Nazionale quanto la sua stessa leadership e per questo è disposto a passar sopra a ben otto Governatori espressione del suo stesso partito, ben sapendo che Emiliano e gli altri Presidenti di regione dovranno confrontarsi, nei rispettivi territori, con un’opinione pubblica e con un elettorato diffusamente no triv, a differenza del Presidente del Consiglio che potrà invece starsene rinchiuso, al sicuro, nella torre d’avorio di Palazzo Chigi, ben guardandosi da insidiose trasferte in terra non amica (forfait alla Fiera del Levante docet).

Dopo il “Sì” della Cassazione, il Governo è intenzionato a correre ai ripari, tentando di modificare in extremis le norme oggetto dei quesiti referendari, lasciando tuttavia inalterato l’impianto dell’art. 38 dello Sblocca Italia. A questo stanno già lavorando alacremente i tecnici del Ministero dell’Ambiente e del Mise, allertati dai rispettivi ministri, Galletti e Guidi, gli stessi che nei fatti disapplicarono il Decreto Prestigiacomo per le trivellazioni in mare.

Il Governo pare aver imboccato la scorciatoia della mediazione al ribasso, del decreto natalizio, di poca sostanza e di facciata. Ove ciò dovesse portare all’adozione di un atto normativo strumentale, sarebbe l’ennesimo scandalo, l’ennesimo atto che macchia la fedina democratica, tutto fuorché immacolata, del Governo.

Eludere il referendum sarebbe un atto eversivo, violento e di grave irresponsabilità politica: impedire proditoriamente ai cittadini di esprimersi attraverso il voto alimenterebbe l’attuale clima di generalizzata sfiducia nelle istituzioni, invelenirebbe ulteriormente il clima sociale e politico.

Alle provocazioni del Governo il movimento no triv risponderà rilanciando uno, dieci, cento referendum e riempiendo, assieme ad altri soggetti ed organizzazioni del mondo del lavoro, della scuola, del volontariato, dei senza diritto e dei diseredati, ecc., le piazze di tutta Italia.

In ultimo, schivare il referendum con un decreto-truffa non sarà cosa affatto semplice. Sul punto la giurisprudenza della Corte è stata finora molto chiara: a mo’ di missile intelligente, i quesiti referendari continueranno ad inseguire le nuove norme a meno che le stesse – cosa alquanto improbabile – non vadano a produrre i medesimi effetti dell’abrogazione tout court.

Se queste sono le premesse, Palazzo Chigi ha messo in preventivo un possibile innalzamento del livello di conflittualità sociale, in un Paese già provato dalla crisi, con tutto ciò che potrebbe conseguirne? Il mondo dell’associazionismo ha scelto da sempre la pratica del confronto, puntando a consolidare il rapporto tra le istituzioni e i cittadini ma, evidentemente, questo obiettivo non è nelle corde dell’Esecutivo.

Il movimento no triv non si lascerà intimidire e rilancerà con fermezza, responsabilità e determinazione la sfida referendaria contro coloro che vogliono devastare e saccheggiare il Paese, privare i cittadini del diritto di voto – perché di questo si tratta – ed imporre al contempo un regime intrinsecamente autoritario e liberticida.
Continuerà a servire la Repubblica, offesa, ferita e vilipesa da una classe politica e dirigente irresponsabile, mediocre, inadeguata e spesso priva di ogni competenza, come dimostrano le dichiarazioni di un Ministro che ignora il significato di transizione energetica, che teme di dover rottamare la propria auto in caso di vittoria del “Sì” al referendum e che dimentica di essere Ministro dell’Ambiente di una nazione che vive il paradosso di essere al contempo prima al mondo per biodiversità con le sue 7.000 differenti specie vegetali, 58.000 specie animali, con i suoi 140 diversi tipi di grano e 1.800 vigneti spontanei -in mezzo ai quali lo Sblocca Italia prevede che chiunque possa tranquillamente trivellare- e di essere al contempo il Paese in cui le attività impattanti sull’ambiente scaricano costi sui bilanci di imprese e famiglie per oltre 48 miliardi di euro l’anno, pari a più del 3% del P.I.L..

Sappia il Ministro Galletti che il referendum punta a perseguire l’obiettivo del divieto di nuove attività legate a gas e petrolio nelle acque territoriali e di una moratoria nel rilascio di nuovi permessi, nelle acque internazionali e su terra ferma, in attesa che si definisca una normativa più restrittiva a livello sia nazionale sia internazionale anche per evitare che nel Mediterraneo ed in ogni angolo del Pianeta si ripetano incidenti simili a quello che venerdì scorso ha provocato 32 vittime su una piattaforma petrolifera nel Mar Caspio o che nel 1988 causò la morte di 167 persone nel Mare del Nord.

Guardando poi al medio periodo nell’ottica della transizione e della decarbonizzazione, tra quindici anni saremo in grado di sfruttare al meglio il potenziale di tecnologie “pulite” che già oggi sono disponibili.

Il referendum di primavera è una grande conquista democratica e il Governo non può disporne. Dovesse farlo, il movimento no triv continuerà a lavorare, come e più di prima, con tutte le forze che hanno come obiettivo difendere la democrazia, il lavoro e la libertà nel nostro Paese.

Renzi fa bene a temere il referendum ma si guardi bene dal toccarlo; a difenderlo ci saranno i cittadini attivi e responsabili di questo Paese, sempre più numerosi e sempre più decisi a difendere i diritti e la democrazia.

Roma, 6 dicembre 2015
Coordinamento Nazionale No Triv

COMUNICATO STAMPA: LA CASSAZIONE DICE SEI VOLTE “SÌ” – REFERENDUM NO TRIV SEMPRE PIU’ VICINO

idealI sei quesiti referendari contro le trivelle in mare e su terraferma hanno superato indenni l’esame di regolarità della Corte di Cassazione.

Con due ordinanze adottate il 26 novembre 2015 la Corte di Cassazione ha accolto i sei quesiti referendari così come deliberati dalle Assemblee Regionali di Basilicata, Abruzzo, Marche, Campania, Puglia, Sardegna, Veneto, Liguria, Calabria e Molise.

Le ordinanze verranno comunicate al Presidente della Repubblica, al Presidente della Corte Costituzionale ed ai Presidenti delle Camere, e verranno notificate ai delegati dei dieci Consigli Regionali proponenti.

L’ultimo scoglio da superare sarà l’esame di legittimità costituzionale della Suprema Corte che si pronuncerà entro febbraio 2016.

I sei “SI'” giungono a coronamento di una lunga fase di impegno per la formulazione dei quesiti e della pressione democratica dal basso esercitata da oltre 200 associazioni italiane. L’abnegazione ed il merito della proposta complessiva hanno consentito di intercettare prima l’unanime consenso della Conferenza dei Presidenti delle Assemblee elettive regionali e, successivamente, lo storico risultato delle 10 delibere di richiesta referendaria, da parte di altrettanti Consigli regionali.

Compiuto questo nuovo passo, è giunto dunque il momento di consolidare il risultato ottenuto preparandosi alla costruzione di un sistema di alleanze -il più ampio e trasversale possibile- e di un percorso organizzativo che consenta di portare al voto la maggioranza degli aventi diritto, senza mediazioni con il Governo su un referendum che ha un obiettivo molto chiaro e non emendabile, se non a rischio di stravolgerne e affievolirne senso e scopo.

La via referendaria è l’unica che possa raggiungere nel breve termine l’obiettivo sia di fermare nuovi progetti petroliferi sia di contenere e ridimensionare il ruolo delle energie fossili nel mix energetico nazionale.

Ma anche qualora le richieste di modifica normativa in senso No Triv venissero avanzate in buona fede, bisognerebbe tener conto della maggiore efficacia del referendum rispetto a quella, più limitata, dell’abrogazione per via legislativa. I divieti introdotti dal Decreto Prestigiacomo non furono forse rimossi per numerosi progetti petroliferi in mare proprio dall’art. 35 comma 1 del Decreto Sviluppo?

Quindi, non si persegua la strada della modifica per via legislativa delle norme che, per mezzo del referendum abrogativo, è invece possibile cancellare stabilmente dall’ordinamento.
Il Referendum non è nella disponibilità del Governo.

L’Assemblea “Verso il Referendum” dell’8 novembre scorso, rappresentativa delle associazioni vere promotrici del Referendum, ha stabilito in modo unitario ed inequivocabile che nessuno è legittimato a “mediare” o a dialogare con un Governo che più di ogni altro ha dimostrato fredda determinazione nel portare a compimento il contenuto fossile della Strategia Energetica Nazionale e che si appresta ad assestare un colpo mortale al coinvolgimento delle comunità locali e delle Regioni nelle scelte strategiche che determinano il futuro dei territori e del Paese.

Il Referendum è di tutti e ciò significa che nessuno può disporne oltre la Corte Costituzionale e, ovviamente, i Cittadini.

Prossima tappa intermedia sarà l’incontro a Roma, il 9 dicembre prossimo, tra i delegati delle Assemblee delle dieci Regioni che hanno deliberato la richiesta di referendum ed i rappresentanti delle associazioni promotrici del Referendum: in quella sede verranno messi a fuoco i principali aspetti organizzativi e discusse le prime soluzioni che dovranno portarci al voto di primavera.

La strada è tracciata. Adesso tocca percorrerla tutti assieme per arrivare al risultato per anni inseguito: liberare il mare e la terraferma da nuove trivelle ed aprire la strada ad una nuova politica energetica, economica ed ambientale.

Roma, 28 novembre 2015

Coordinamento Nazionale No Triv

AL VIA LE ATTIVITA’ DEL COSTITUENDO COMITATO REFERENDARIO NASCENTE DALL’ASSEMBLEA NAZIONALE “VERSO IL REFERENDUM NO TRIV”

ROMA8Domenica 8 novembre si è chiusa con una straordinaria partecipazione civica, associativa e movimentista e con la definizione delle iniziali attività operative del costituendo comitato referendario a sostegno della futura campagna, il primo appuntamento assembleare italiano convocato dal Coordinamento nazionale No Triv e dalle centinaia di organizzazioni aderenti alla iniziativa, dopo il deposito in Cassazione dei quesiti referendari abrogativi contro le trivellazioni in mare e su terraferma.

Presso i locali dell’Ex Snia, al Parco delle Energie di Roma, l’assemblea ha dato il via ad un lavoro preparatorio teso alla costituzione di una organizzazione coordinata e democratica tra associazioni nazionali e locali, movimenti e comitati che sia espressione ampia della società civile e che articoli e condivida azioni comuni a sostegno della prossima “campagna” nazionale.

In attesa dei pronunciamenti della Corte di Cassazione e della Consulta sui sei quesiti promossi dalle centinaia di realtà associative, che hanno raggiunto il placet unanime della Conferenza dei Presidenti delle Assemblee elettive regionali a settembre, ed a cui hanno fatto seguito le dieci delibere per il referendum da parte di altrettante regioni, il costituendo comitato referendario ha riaffermando la necessità primaria di creare una ampia rete sociale partecipata e trasversale che conduca l’iniziativa, pianificando sin a da subito le prime strategie comuni.

Fondamentale sarà tenere sempre presente che l’unione delle tante lotte territoriali, la connessione con le organizzazioni impegnate nelle campagne referendarie di prossima definizione – a partire da quella per il “No”al referendum confermativo sulla Riforma Costituzionale – il funzionale rapporto con le organizzazioni politiche e sindacali sostenitrici, con i Delegati regionali e con la Conferenza dei Presidenti dei Consigli regionali e delle Provincie autonome, rappresentano canali di relazione attorno ai quali muovere per la costruzione di un percorso unitario, democratico, partecipato e vincente, finalizzato al raggiungimento del quorum ed al successo del “Sì” alle abrogazioni proposte.

Ampio spazio durante la mattinata è stato dedicato alle relazioni degli intervenuti, ai quali si sono alternati gli interventi di organizzazioni sociali e politiche a sostegno dell’iniziativa.

Ai rappresentanti del Coordinamento nazionale No Triv, di WWF, Legambiente, hanno fatto seguito nelle relazioni esponenti del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua, di Pancho Pardi per il Coordinamento per la Democrazia Costituzionale, di Marco Furfaro (SEL), Gianni Girotti (Movimento 5 Stelle), Alfonso Pecoraro Scanio (Fondazione Univerde), Piero Lacorazza (PD e Presidente del Consiglio regionale Basilicata), Annalisa Corrado (per Green Italia e Possibile), Stefano Fassina (Sinistra Italiana), Maurizio Marcelli (FIOM) nonché di rappresentanti dell’universo associativo e movimentista italiano, da Marica Di Pierri (A Sud) a Stefano Iannillo (Rete per la Conoscenza), ai portavoce dei tanti comitati territoriali presenti da ogni regione italiana. Ai lavori ha preso parte anche Andrea Boraschi per Greenpeace.

Nella sessione pomeridiana, dedicata alla plenaria per l’elaborazione di proposte organizzative ed operative, si è predisposta una prima sintesi esecutiva che consentirà di procedere immediatamente e con passi sostanziali alle nuove iniziative pianificate verso il referendum: un referendum che è di tutti i cittadini italiani e col quale affermare l’opposizione convinta alle politiche energetiche fossili.

Un collegamento con la mobilitazione italiana per il clima e l’adesione alla marcia prevista a Roma il prossimo 29 novembre, in vista della COP21 di Parigi, rappresentano in questo senso un momento di coesione e di attenzione collettiva sul più ampio tema dei cambiamenti climatici.

La prossima convocazione di assemblee territoriali “Verso il referendum No Triv” e la declinazione nei diversi contesti regionali di una rete che coinvolga tutti i soggetti interessati alla costruzione di un percorso partecipato e trasversale, saranno passaggi essenziali per dare diffusione al processo collettivo avviato e precederà una nuova assemblea nazionale prevista per la prima metà di dicembre 2015.

Il Referendum è di tutti !!!

Roma, 9 novembre 2015
L’Assemblea “Verso il Referendum No Triv”

CONTATTI:
referendumnotriv@gmail.com